Santuario del SS. Crocifisso di Papardura
SS. Crocifisso di Papardura 2 - Fine Art Produzioni

La Chiesa di Papardura ha un’antica tradizione che affonda le sue radici nel lontano 1659 quando, in una grotta, venne ritrovata un’immagine di un Crocifisso dipinta su una lastra di pietra. Il Santuario venne costruito intorno al 1660 a protezione di questo ritrovamento e fu eretto su un ponte in muratura che inglobò anche la grotta. Accanto alla chiesa sorge un campanile anch’esso sul ponte in modo da armonizzarsi con la natura e consentire l’accesso alle grotte naturali sottostanti. Oltre la bellezza dell’esterno, totalmente immerso nella natura, anche l’interno è molto affascinante con decorazioni e sfarzi tipici del barocco: stucchi in gesso policromi, il ricamo in legno del tetto a cassettoni e gli smalti oro e rosso della teca che racchiude la “storica” pietra dipinta. La chiesa è ad un’unica navata, abbracciata da dodici statue degli apostoli. Negli altari laterali sono posti dei paliotti in cuoio e quattro tele raffiguranti: “La caduta di Cristo”, “Cristo alla colonna”, “Cristo nell’orto” e “L’Incoronazione di Gesù”. L’abside con l’altare maggiore sono sistemati nella grotta, nella quale vi è una lastra a rilievo d’argento raffigurante il “Trionfo della Croce”. Interessanti, sono le svariate interpretazioni date al nome di Papardura, la più attendibile delle quali è quella che scrive Vincenzo Littara, storico di Noto, nelle “Historiae Hennensis”, facendo derivare la voce Papardura dalle acque che nella località sono abbondanti, dicendo che Papardura significa: località di acque perenni e abbondanti. La località Papardura è in effetti molto ricca di sorgenti.

 

 

Via Santuario di Papardura – 95030 Enna
Tel 39 340 2697351
email info@santuariopapardura.it
sito: www.santuariopapardura.it

 

 

Aperto Lun – Ven: 11 AM – 20 PM
Sab – Dom: 12 AM – 19 PM

 

 

  Click to listen highlighted text! La Chiesa di Papardura ha un’antica tradizione che affonda le sue radici nel lontano 1659 quando, in una grotta, venne ritrovata un’immagine di un Crocifisso dipinta su una lastra di pietra. Il Santuario venne costruito intorno al 1660 a protezione di questo ritrovamento e fu eretto su un ponte in muratura che inglobò anche la grotta. Accanto alla chiesa sorge un campanile anch’esso sul ponte in modo da armonizzarsi con la natura e consentire l’accesso alle grotte naturali sottostanti. Oltre la bellezza dell’esterno, totalmente immerso nella natura, anche l’interno è molto affascinante con decorazioni e sfarzi tipici del barocco: stucchi in gesso policromi, il ricamo in legno del tetto a cassettoni e gli smalti oro e rosso della teca che racchiude la “storica” pietra dipinta. La chiesa è ad un’unica navata, abbracciata da dodici statue degli apostoli. Negli altari laterali sono posti dei paliotti in cuoio e quattro tele raffiguranti: “La caduta di Cristo”, “Cristo alla colonna”, “Cristo nell’orto” e “L’Incoronazione di Gesù”. L’abside con l’altare maggiore sono sistemati nella grotta, nella quale vi è una lastra a rilievo d’argento raffigurante il “Trionfo della Croce”. Interessanti, sono le svariate interpretazioni date al nome di Papardura, la più attendibile delle quali è quella che scrive Vincenzo Littara, storico di Noto, nelle “Historiae Hennensis”, facendo derivare la voce Papardura dalle acque che nella località sono abbondanti, dicendo che Papardura significa: località di acque perenni e abbondanti. La località Papardura è in effetti molto ricca di sorgenti.     Via Santuario di Papardura – 95030 Enna Tel 39 340 2697351 email info@santuariopapardura.it sito: www.santuariopapardura.it     Aperto Lun – Ven: 11 AM – 20 PM Sab – Dom: 12 AM – 19 PM    

 

 

 


BOOKING ONLINE

Scopri le strutture ricettive con il marchio di qualità del Distretto e riservati il posto migliore.

Prenota Online

Tourcoupon

Scopri le offerte pensate per te.

Prenota Online